sabato 11 luglio 2015

UN RIGOLETTO RABBIOSO E SPETTACOLARE CON STEFANO MEO

STEFANO MEO
Grande protagonista imperdibile del luglio musicale trapanese è Stefano Meo baritono dalle notevoli doti vocali e grande capacità introspettiva nell'interpretazione dei suoi personaggi. Artista eccellente che studia profondamente i ruoli non solo dal punto di vista musicale, ma in toto senza tralasciare l'aspetto psicologico. Il 18 e il 20 di questo mese sarà un attesissimo Rigoletto alla sessantasettesima edizione del Luglio Musicale Trapanese, per poi iniziare una tournée, dal titolo LE STELLE DI SHAKESPEARE ,che lo porterà in giro per l'Europa al fianco di un altra Star della lirica come il tenore Roberto Alagna. Primo appuntamento Lunedi 10 agosto 2015 al Palacio de Deporte de Malaga e dopo "altre date" in Spagna approderà in  Italia e Austria passando per la Germania. Nell'intervista a seguire Stefano Meo si racconta tra pubblico e privato svelando qualche anticipazione.

D: Quali sfumature ha il Rigoletto che ti appresti a interpretare al Luglio Musicale Trapanese?

R: Interpretero' un padre scuro e severo le cui deformità non saranno solo fisiche ma anche psicologiche. Un rigoletto che ha un rapporto morboso  e possessivo verso la figlia, rabbioso e impotente verso il suo destino, profondamente schifato dalla sua situazione di buffone cortigiano. Molto deforme fisicamente anche, come se una mano superiore lo schiacciasse verso il basso per non farlo innalzare mai, ne in una situazione sociale migliore ne nel riuscire ad avere rapporti umani verso tutti, in particolar modo verso la sua " famiglia".

D: Qual è la chiave per interpretare un ruolo convincente?

R: Non c'è una vera e propria chiave per interpretare rigoletto nel modo corretto. È molto personale ognuno sente il dramma a suo modo. Certo io sono padre di una bellissima bambina... questo aiuta a capire il dramma interiore del personaggio. Il regista di questa produzione, bravissimo,  è stato forte nel darmi gli spunti per arricchire maggiormente il profilo complesso della psiche di rigoletto.

D: Un commento sulla regia del Rigoletto in oggetto?

R: La regia è collocata orientativamente nei primi del '900.  E' sbalorditivo come il regista abbia saputo cogliere i drammi interiori dei personaggi e dico di tutti i personaggi. Una regia complessa che richiede doti fisiche e tenuta vocale non indifferenti. Geniale!

D: Quale il momento più importante del quale conservi un ricordo speciale della tua carriera?

R:Il momento più importante è stato scegliere di avere una carriera. Non è stato facile, considerando i tempi bui che culturalmente viviamo, impegnarsi in questo lavoro. Il guaio è che non ne posso più fare a meno. La cosa buona è che la mia famiglia, tutta, qualche raro vero amico e il mio agente mi sostengono e credono con me che sia stata la scelta più saggia anche e sopratutto per crescere come persona e poi come artista. Il palcoscenico e la finzione scenica mi aiutano a trovare il vero me stesso paradossalmente. Ne ho bisogno.

D: Quali ruoli verdiani sono più consoni a Stefano Meo?

R: Per adesso i ruoli verdiani a me più vocalmente congeniali sono Rigoletto ed il Conte di Luna del Trovatore. Due ruoli che richiedono una voce baritonale pura e sincera. Spero in seguito di poterne aggiungere altri. Ho cantato tanto Puccini prima di passare a Verdi.

D: Un ruolo che vorresti interpretare , non necessariamente verdiano, qual è e perchè?

R: Vorrei potermi confrontare nuovamente con Michele del Tabarro. Ruolo complesso psicologicamente e molto sofferente supportato da un attenta regia come in questo rigoletto. In un futuro spero non troppo lontano ambirei a Jago dell'Otello verdiano... vedremo.

D: Presto i tournée in Spagna. Qualche anticipazione?

R: Sarò a fianco di un mostro sacro dell'Opera come Roberto Alagna in un lunga tournée che partirà dalla Spagna dove canterò brani dell'Otello di Verdi e da Romeo et Juliette di Gounod. Sarà un grande impegno cercando di essere all'altezza di un artista così prestigioso.

di Alessandra Giorda


Stefano Meo
Baritono dell'Agenzia Italia Lirica
di Massimiliano Damato
http://www.italialirica.com/

Nessun commento:

Posta un commento