martedì 12 gennaio 2016

Cavalleria Rusticana: InCanto in Musica


InCanto in Musica
Domenica 17 Gennaio, ore 16 andrà in scena al Teatro Don Bosco di Pavia in Via San Giovanni  Bosco, 4 a Pavia, la Cavalleria Rusticana di P.Mascagni.

Personaggi ed interpreti

Santuzza - Deborah Simonetti
Turiddu - Diego Cavazzin
Compare Alfio - Ra Hyun Kyu
Mamma Lucia - Tania Pacilio
Lola - Chiara Ciurlia

Regia - Nadia Matteucci
Orchestra InCanto in Musica
Corale Franco Vittadini di Pavia
Direttore - Gianluca Fasano
Maestro del Coro - Filippo Dadone
Movimenti coreografici - Professione Danza
Elementi scenografici a cura degli allievi
del liceo artistico Alessandro Volta di Pavia
Costumi - Sartoria Bianchi

Cavalleria rusticana è un'opera in un unico atto di Pietro Mascagni, andata in scena per la prima volta il 17 maggio 1890 al Teatro Costanzi di Roma, su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, tratto dalla novella omonima di Giovanni Verga.


Viene spesso rappresentata a teatro, o incisa su disco, insieme a un'altra opera breve, Pagliacci, di Ruggero Leoncavallo. Iniziatore di questo singolare abbinamento, fu lo stesso Pietro Mascagni, che nel 1926, al Teatro alla Scala di Milano, diresse, nella stessa soirée, entrambe le opere.

In passato la Cavalleria rusticana veniva talvolta eseguita insieme a Zanetto, opera dello stesso compositore.

Trama

La scena si svolge in un paese siciliano durante il giorno di Pasqua. Ancora a sipario calato, si sente Turiddu, il tenore, cantare una serenata a Lola, sua promessa sposa che durante il servizio militare di Turiddu ha però sposato Alfio. 

La scena si riempie di paesani e paesane in festa, giunge anche Santa, detta Santuzza, attuale fidanzata di Turiddu, che non si sente di entrare in chiesa sentendosi in grave peccato. Entra allora in casa di mamma Lucia, madre di Turiddu, chiedendole notizie del figlio.

Lucia dice a Santuzza che Turiddu è andato a Francofonte a comprare il vino, ma Santa sostiene di aver visto Turiddu che si aggirava sotto la casa di Lola. La stessa notizia arriva anche ad Alfio, che ignaro di tutto va a trovare Lucia. A questo punto Santuzza svela a Lucia la relazione tra Turiddu e Lola.

Egli ormai l'ha disonorata per ripicca contro Lola, alla quale prima di andare soldato aveva giurato fedeltà eterna, e che ora continua a frequentare sebbene sia sposata. Giunge dunque Turiddu che discute animatamente con Santa; interviene anche Lola che sta per recarsi in chiesa, e le due donne si scambiano battute ironiche.

Turiddu segue Lola, che è sola perché il marito lavora. Santuzza augura a Turiddu la malapasqua e, vedendo arrivare Alfio, gli denuncia la tresca amorosa della moglie. Dopo la messa, Turiddu offre vino a tutti i paesani, anche ad Alfio, che nel rifiutarlo, lo abbraccia e gli morde l'orecchio sfidandolo a duello.

Turiddu corre a salutare la madre e fingendosi ubriaco, le dice addio e le affida Santuzza.

Subito dopo si sente un vociare di donne e popolani. Un urlo sovrasta gli altri: "Hanno ammazzato compare Turiddu!".

Brani celebri

O Lola, c'hai di latti la cammisa, canzone siciliana di Turiddu 
Il cavallo scalpita, Alfio 
Voi lo sapete, o mamma, aria di Santuzza 
Tu qui, Santuzza, duetto di Santuzza e Turiddu 
Intermezzo sinfonico (tra la prima e la seconda scena) 
Viva il vino spumeggiante, brindisi di Turiddu 
Mamma, quel vino è generoso, "addio alla madre" di Turiddu

Nessun commento:

Posta un commento