lunedì 21 dicembre 2015

AUGURI DI BUON NATALE








Auguri per un buon natale ricco di felicità, amore e serenità a voi e alle vostre famiglie.





Staff


*Trovare qualcuno a cui donare il cuore è il più bel regalo che possiamo farci. Buon Natale.

*Nella notte più magica dell'anno, nel cielo si accende una stella, la più luminosa e bella! 
Ci ricorda che la sua luce accoglie le nostre speranze, non ci dimentica mai e che siamo tutti uguali. 

Tanti auguri di Buon Natale.

sabato 12 dicembre 2015

IL BARBIERE DI SIVIGLIA A MODENA

*

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

20 DICEMBRE 2015 - ore 17.00

TEATRO MICHELANGELO - MODENA



Musiche di Gioachino Rossini
Libretto di Cesare Storbini

Personaggi e interpreti

Il Conte d’Almaviva: Spero Bongiolatti, Tenore
Don Bartolo: Romano Franceschetto, Baritono
Rosina: Paola Cacciatori, Mezzosoprano
Figaro: Carlo Morini, Baritono
Don Basilio: Luca Gallo, Basso
Berta: Francesca Salvatorelli, soprano
Fiorello: Eugenio Degiacomi, Basso

Orchestra “Cantieri d’arte”
Diretta dal M° Lorenzo Bizzarri
Coro Lirico “Aurea Parma”

Regia: Eddy Lovaglio




Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini è una delle opere meglio riuscite e più rappresentate in tutti i teatri del mondo, un’opera buffa che domenica 20 dicembre, al Teatro Michelangelo di Modena, garantirà al pubblico un pomeriggio di grande musica e di divertimento. 
L’Opera, che sarà rappresentata integralmente e in costume, vedrà in scena un cast di livello qualitativo straordinario con i migliori interpreti lirici del panorama nazionale. 
Vestirà i panni di Figaro un veterano del mestiere che ha interpretato questo ruolo innumerevoli volte: Carlo Morini, baritono cantabile dal tipico colore rossiniano.
Al suo fianco troviamo un’altra importante presenza, quella di Don Bartolo interpretato dal M° Romano Franceschetto che ha calcato i palcoscenici più prestigiosi italiani ed esteri vestendo proprio i panni di questo personaggio.  Benché il suo repertorio sia assai vasto, spaziando dal '700 ad opere contemporanee in prima esecuzione, Franceschetto si è specializzato nei principali ruoli di "buffo" del 18° e 19° secolo interpretandoli in teatri italiani e stranieri, lavorando con Dario Fo nel “Barbiere di Siviglia” al Teatro Petruzzelli di Bari, ed interpretando il medesimo ruolo al Teatro Regio di Parma e in altri teatri sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra e registi.
                                                                      

                                               

Bella, solare e accattivante la nostra Rosina: il ruolo della “donna contesa” da Don Bartolo e dal Conte di Almaviva sarà interpretato dal mezzosoprano Paola Cacciatori che si distingue per l’ottima prestazione vocale e la spigliata verve scenica. Vive a Roma e si sta affermando con grinta e successo nel panorama lirico internazionale.
Il ruolo del Conte d’Almaviva è interpretato dal tenore Spero Bongiolatti, che ha interpretato il ruolo diverse volte, spigliato, voce accattivante e grande presenza scenica, ballerino oltre che cantante e per questo diverse sono le sue apparizioni televisive, già in giovane età Bongiolatti possiede un curriculum di tutto rispetto: è stato al fianco di Raffaella Carrà nel Sabato Sera di Raiuno, ha fatto parte del cast del celebrato musical “Grease” con Lorella Cuccarini, e ancora al Bagaglino di Roma, fino all’opera lirica del Teatro Dal Verme di Milano (collaborando con i Pomeriggi Musicali e l'Accademia Teatro Alla Scala di Milano) come tenore protagonista, dopo aver sostenuto un duro percorso di studio iniziato sotto la guida del grande Tenore Franco Corelli.  Esperienze uniche che hanno fatto di Bongiolatti un interprete completo e di prestigio.
Il ruolo di Don Basilio è interpretato dal basso Luca Gallo, veterano nel ruolo e artista con splendida carriera: ha lavorato con direttori d’orchestra come Donato Renzetti o Peter Maag, e con colleghi come la Freni, Devia, Ghiaurov, Bruson e Bocelli.
Berta, ruolo comprimario ma importante, sarà interpretata dal soprano Francesca Salvatorelli, giovane soprano ma già esperta in questo buffo personaggio che ci delizierà con la famosa e divertente “aria di Berta”.  
Fiorello sarà interpretato dal giovane basso Eugenio Maria Degiacomi che ha debuttato il ruolo lo scorso anno.

L’orchestra “Cantieri d’Arte” è diretta dal M° Lorenzo Bizzarri così come il coro “Lirico Aurea Parma”.
La regia si avvarrà di un impianto scenico assolutamente essenziale dove giocheranno un ruolo importante le gags dei personaggi che ruotano intorno alle trovate di Figaro.
Portare l’Opera Lirica al Teatro Michelangelo di Modena è sicuramente una sfida, un progetto fortemente voluto dal direttore del teatro, dr. Berto Gavioli, con l’intento di rilanciare questo spazio teatrale ed aprirlo a nuove forme di spettacolo.
L’Opera scelta – “Il Barbiere di Siviglia” – si presta particolarmente per l’esplicita narrazione dei recitativi e per la divertente messa in scena.
(Per info e biglietti: 059 – 343662, info@cinemateatromichelangelo.com)


di Francesco Fornarelli







martedì 8 dicembre 2015

IL BARBIERE DI SIVIGLIA A ROMA

Da il Teatro alla Scala di Milano all'Argentina di Roma, la bellissima astragana Lilly Jorstad interpreterà Rosina e il bel tenore salentino Giuseppe Tommaso nel ruolo del Conte d' Almaviva, vincitori del Concorso Lirico ZIINO 2015.

A 200 anni dalla sua prima rappresentazione al Teatro Argentina, salgono sul palcoscenico dell'Argentina i vincitori del Concorso Lirico Internazionale Ottavio Ziino, a interpretare l'opera buffa per eccellenza Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, proprio dove è stato rappresentato la prima volta, al Teatro Argentina di Roma. I protagonisti: Lilly Jorstad (Rosina), Giuseppe Tommaso (Conte d'Almaviva), William Hernandez (Figaro), Giuseppe Esposito (Don Bartolo), Eugenio Di Lieto (Don Basilio), Irida Dragoti (Berta). Il sipario dell' Argentina si alzerà alla 20:30 in punto e il maestro Daniele Moroni dirigerà la "Roma Opera Orchestra" e il Coro "International Opera Choir".

Nell'Opera buffa, i cui contenuti già riflettono le novità culturali e sociali in atto nella società di fine Settecento, i personaggi ora appartengono e sono lo specchio della borghesia, del popolo, di una quotidianità vissuta anche in ambito familiare. Mutano i linguaggi musicali e sovente il caos che regna nelle opere buffe e nel titolo più importante di Gioachino Rossini, Il Barbiere di Siviglia, è l'indizio di una società che ha perduto il senso dell'orientamento e con i punti di riferimento conseguenti (limitativi molte volte di una idea di democrazia ancora molto in fieri) travolti dalla disinvoltura spavalda di una borghesia imprenditoriale. Il Figaro del Barbiere ne è un esempio chiaro. Congeniale allo stile comico di Rossini, il personaggio principale è un unicum di sfrontatezza, furbizia, sicurezza, spavalderia. Si potrebbe dire che è il nuovo che avanza, intraprendente e abile, senza troppe esitazioni o sensi di colpa, motore centrale dell'azione, conscio che il metro di paragone sostanziale è il potere del (nel) denaro. Rossini quasi lo disegna con una punta di disprezzo paternalistico, ma non indaga a fondo nella caratterizzazione sociale, giacché egli stesso rimane fino all'ultimo rappresentante di un secolo già passato.

Lilly Jørstad interpreterà Rosina Lilly Jorstad interpreterà Rosina

Con il personaggio di Rosina nasce una nuova tipologia di figura femminile prestata all'Opera. Solo in apparenza 'dolce', 'obbediente', 'rispettosa', la bella Rosina dimostra di sapere affinare le sue doti di donna scaltra, volitiva e, all'uopo, vendicativa. In grado di ordire terribili trappole, al solo segnale di contraddizione. Rossini è compiaciuto di queste abilità tutte femminili e regala al personaggio una vocalità tersa e adamantina assegnando a Rosina l'imprimatur del paradigma di una donna risoluta, smaliziata, indomita e infine, vincente, paragonabile socialmente alla donna moderna.


Gli altri due personaggi maschili, Don Basilio e Don Bartolo escono dalla penna di Rossini musicalmente vincenti e convincenti, ma non ugualmente dal punto di vista psicologico, fortemente condizionati da una sottolineatura macchiettistica a volte condizionante. Per fortuna il Barbiere, grazie all'abilità del pesarese e alla aderenza testuale di Cesare Sterbini, è un perfetto ed equilibrato susseguirsi di melodie accattivanti, arie celebri, eloquio brioso, in un quadro d'insieme dal forte colore paesaggistico ed evocativo che fa divertire facendo riflettere.

La regia e costumi di Vivien Hewitt.
La direzione artistica è di Wally Santarcangelo, direttore dell’Associazione Il Villaggio della Musica.
Biglietti direttamente alla biglietteria del Teatro Argentina tutti i giorni (tranne lunedì) dalle ore 10 alle 19 (senza prevendita), oppure su Vivaticket.



Fonte: il villaggio della musica

lunedì 7 dicembre 2015

L'8 Dicembre vedrà ufficialmente la luce il nuovo EP dal titolo "Vorrei"

Spero Bongiolatti, tenore italiano con importante esperienza all’estero, dopo aver firmato l’album, “Canto Per Il Mondo” (luglio 2015), l’8 dicembre esce con un nuovo toccante EP dal titolo “VORREI”: tre brani, di cui uno inedito. Produzione live: pianoforte, organo e violino. 
In collaborazione con il Maestro Gianfranco Messina

Spero Bongiolatti, valtellinese capace di ammaliare e sedurre qualsiasi platea, ha già strappato con la sua voce fresca e brillante applausi in tutta Italia e all’estero, dove sovente ha avuto occasione di ipnotizzare il pubblico straniero con indimenticabili performance esibendosi come “tenore di grazia”.

Nonostante la giovane età, Bongiolatti possiede un curriculum di tutto rispetto: è stato al fianco di Raffaella Carrà nel Sabato Sera di Raiuno, ha fatto poi parte del cast del celebrato musical “Grease” con Lorella Cuccarini, e ancora al Bagaglino di Roma, fino all’opera lirica del Teatro Dal Verme di Milano (collaborando con i Pomeriggi Musicali e l'Accademia Teatro Alla Scala di Milano) come tenore protagonista, dopo aver sostenuto un duro percorso di studio iniziato sotto la guida del grande Tenore Franco Corelli.

Esperienze uniche che hanno fatto di Bongiolatti un interprete completo e di prestigio.

Il 2015 si sta rivelando un anno ricco di novità e di soddisfazioni per questo giovane artista. A luglio è uscito l’album Canto Per Il Mondo”, dalla forte caratterizzazione Latin/Pop/Opera (genere innovativo che rispecchia l’anima latina dell’artista, la sua mentalità pop e il suo essere un cantante lirico), il 2 dicembre Bongiolatti è stato protagonista di uno degli eventi di apertura del Giubileo della Misericordia (a Roma, all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, alla presenza delle più prestigiose cariche Istituzionali e autorità ecclesiastiche) e l’8 dicembre, (giorno dedicato alla promulgazione, da parte di Papa Pio IX, del dogma dell’Immacolata Concezione, la nascita di Maria senza il peccato originale, e quest’anno giorno dell’inizio ufficiale del Giubileo della Misericordia), vedrà la luce un nuovo EP dal titolo “Vorrei” contenente tre brani di cui uno inedito (distruzione nei migliori store mondiali online, da Amazon a iTunes).


Il brano inedito dà anche il titolo all’EP, ed è una poesia messa in musica, con un messaggio positivo e di speranza: tornare a essere bambini nella purezza dello Spirito, seguendo quindi le parole di Gesù che raccomandava la purezza di mente e spirito per avvicinarsi a Dio. Il testo di questa poesia è stato scritto da Cristina Poletti (pittrice e poetessa), affetta da una grave malattia che le impediva di camminare e che pochi anni fa se l’è portata via. I suoi insegnamenti sono rimasti vivi, infatti, grazie alla sua mente, lei poteva correre libera e volare. La mente supera gli impedimenti del corpo, la mente per noi può fare miracoli, regalando bellezza, pace e amore…
La produzione di “Vorrei” nasce dalla collaborazione tra la voce ispirata di Bongiolatti e la musica del Maestro Gianfranco Messina, pianista, violinista e compositore.
Le registrazioni sono state fatte negli studi “Bios Production” di Milano, dal vivo sia per quanto riguarda la voce sia per le musiche.

EP “Vorrei” - BRANI
v  Vorrei (pianoforte, violino) inedito
v  Ave Maria di Mascagni (organo, violino)
v  Minuit Chretien - Santa Notte di Natale (pianoforte, violino, campane)


Vorrei” – singolo inedito di Spero Bongiolatti 



VIDEO “Vorrei” su  YOUTUBE (regia di Andrea Benedetti – produzione Socialfilme)


mercoledì 2 dicembre 2015

INAUGURAZIONE DEL GIUBILEO ALLA SANTA SEDE: GRANDE SUCCESSO PER IL TENORE




Grande Successo per il Tenore Spero Bongiolatti all'Evento di inaugurazione GIUBILEO DELLA MISERICORDIA davanti ad una platea gremita di Autorità Ecclesiastiche e Governative, nella splendida cornice di Palazzo Borromeo presso la Santa Sede di Roma.





FirstOnline ci ricorda inoltre a questo evento altre serate musicali a Roma dedicate al Giubileo.
Un altro importante evento sarà il prossimo Martedì 8 dicembre alle 19:30, avrà luogo nella Basilica del Sacro Cuore Immacolato di Maria ai Parioli (Piazza Euclide, Roma) il grande Concerto Sinfonico Corale in occasione dell'apertura del Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco. Un'altra bella occasione da non perdere!

La serata, promossa e sostenuta dal Governo Generale dei Padri Clarettiani, vedrà il Maestro Lorenzo Porzio dirigere gli oltre settanta musicisti dell'Orchestra "L'Armonica Temperanza" e dei due cori St. Paul's Choir e ResAltera Vocal Ensemble in un viaggio musicale dal Barocco di Bach al classicismo di Mozart per arrivare fino al romanticismo di Brahms. In programma il Concerto Brandeburghese N.3 di Bach, la Messa K.194 per soli, coro e orchestra, di Mozart, il concerto per pianoforte e orchestra K.414 di Mozart e un accattivante ed inedito arrangiamento per pianoforte e orchestra di Lorenzo Porzio di tre famosissime Danze Ungheresi di Brahms.

Solista d'eccezione, la pianista umbra Cristiana Pegoraro, reduce dal trionfo ottenuto lo scorso novembre alla Carnegie Hall di New York con un concerto tutto esaurito e quattro standing ovation.

Questo concerto sarà anche l'occasione per presentare l'ultimo lavoro discografico "Bach, Mozart, Haydn" di Cristiana Pegoraro e Lorenzo Porzio, uscito per l'etichetta Eden Editori.



di Francesco Fornarelli

sabato 28 novembre 2015

MADAMA BUTTERFLY TEATRO DEL GIGLIO DI LUCCA: RECENSIONE

Madame Butterfly Teatro del Giglio di Lucca 

Al Teatro del Giglio di Lucca il 20 Novembre la scenografia di Madame Butterfly, datata 2004, è oggetto di relooking e, con il capolavoro del Maestro Giacomo Puccini, va in scena il lavoro di cesello sulla psicologia dei personaggi proposto del regista Sandro Pasqualetto.  Il sipario si apre su una scena fattasi sobria e sui parenti di Cio-Cio-San, perfidi, allineati sullo sfondo, praticamente pronti sin dall’inizio ad abbondonare il matrimonio farsa, cade la luce d’oro della tradizione del teatro giapponese. L’iconografia classica di Madame Butterfly non si fa rimpiangere sull’incalzare vivace della musica. La direzione di Valerio Galli, giovane e spigliata sottolinea ogni emozione e accompagna i bravi Goro  ( Tiziano Barontini) e un  Sharpless ( Marcello Rosiello) che affida, consapevolezza di impossibile integrazione e rigurgiti di coscienza alla.. borraccetta del Wiskey. Bella e brava la fanciulla Butterfly,  Maria Luigia Borsi che, rinnegata da uno zio Bonzo ( Johnn Paul Huckle ), irrotto in scena con le movenze di una Manga, con sottile erotismo, si consegna a un F.B.Pinkerton   (Lorenzo Decaro, impeto vocale con poche sfumature) e al suo destino. Restano memorabili di questa regia le scene del secondo e terzo atto, fusi in un unicum come ormai si fa. Emerge la brava Suzuki (Lorena Scarlata) che nei giorni del disinganno gioca con uno svolazzo di petali di ciliegio, accudisce il bimbo e condivide il dramma. Il tempo, cadenzato dai mimi che fanno scorrere il velo della notte, accompagna la presa di coscienza di Butterfly,  la testimonia  raccolta, come una luna lucente, a vegliare sul disegno del proprio funesto destino che si va componendo, con la sola compagnia di uno scroscio d’acqua che raggela l’anima. Di lì a poco rinuncerà all’ultima via di salvezza congedando il Principe Yamadori (Antonio Pannunzio), non si inginocchierà davanti a lui come etichetta richiede e la posizione del Principe si tradurrà in umiliazione. Butterfly si è ormai consegnata al suicidio, per sgolamento, quello che tradizione “riserva” alle donne. La regia non cerca di compiacere e propone una morte pubblica, così raffinata e crudele che gli spettatori trattengono, loro malgrado, il respiro. Racchiusa nella zona sacra, delimitata dai biglietti che i fedeli lasciano nelle loro visite ai templi, Butterfly, cui all’uso giapponese, sono state legate le gambe per evitare ogni  scompostezza, lotta contro l’istinto di sopravvivenza che la sua gioventù impone prima di compiere il rituale. Non è uno spettacolo rilassante.  Questa morte, decretata da ignoranza, superficialità e pregiudizi è un dramma universale senza tempo, impossibile non  riflettere.

Nilla Maria Turri

martedì 24 novembre 2015

AUDIZIONE PER CANTANTI LIRICI

L'Agenzia "Gitto Art Management" 
indice 
un'Audizione per le stagioni 2016/2017 
ricerca Cantanti Lirici dai 20 ai 45 anni, 
di qualsiasi nazionalità.

Inviare un C.V. accompagnato da una registrazione Audio o Video
per effettuare una preselezione all'Audizione che si svolgerà a Roma.

Inviare il materiale artistico a: raffaella.gitto@gittoart.it

venerdì 20 novembre 2015

"CONGRATULAZIONI A LEV PUGLIESE PER IL SUO DEBUTTO AMERICANO AL ROSE THEATRE DI NEW YORK CON LA TOSCA"

Lev Pugliese

"CONGRATULAZIONI A LEV PUGLIESE PER IL SUO DEBUTTO AMERICANO AL ROSE THEATRE DI NEW YORK CON LA TOSCA"





CONGRATULATIONS TO LEV PUGLIESE WHO IS MAKING HIS AMERICAN DEBUT WITH TOSCA:
To honor the legacy of the New York City Opera, NYCO Renaissance presents the opera that launched City Opera’s 1944 inaugural season, Giacomo Puccini’s Tosca. NYCO Renaissance has obtained from Archivio Storico Ricordi the exclusive North American rights to re-create and present Adolf Hohenstein’s original sets and costumes from Tosca’s premiere in 1900. For the first time in America, this masterpiece of Belle Époque design will be reunited with the timeless opera that inspired it.








New York City Opera


martedì 17 novembre 2015

Piccolo Teatro: al via le rassegne di Teatro Lirico Musicale e Teatro Famiglia



Un intenso fine settimana quello in programma al Piccolo Teatro di Foggia dal 20 al 22 novembre, che vede l’avvio di due rassegne clou di questa XX stagione dello storico spazio di Via delli Carri, impegnato quest’anno a proporre al pubblico un’offerta teatrale quanto mai eterogenea.


Si parte venerdì 20 novembre alle ore 21,00 con La Serva Padrona, che inaugura ufficialmente la stagione del Teatro Lirico Musicale firmata dall’Ass. Bel Canto. Per la regia e l’allestimento di  Maria Gabrielli Cianci e il coordinamento artistico di Davide Longo, la compagnia dei Belcantisti porta in scena la celebre opera buffa scritta nel 1733 da Giovanni Battista Pergolesi, geniale personalità del barocco italiano.

La Serva Padrona è, in estrema sintesi, l’intermezzo buffo della scuola napoletana del ’700 più famoso al mondo: siamo nel pieno fulgore della Commedia dell’Arte e la storia della serva Serpina – che riuscirà a diventare padrona del cuore e dei possedimenti del suo padrone Uberto – è ispirata alle tipiche dinamiche di questo genere teatrale, come traspare, in particolare, dai personaggi di Vespone e Tafano, i due servitori che “ronzano” intorno ai due protagonisti. 

La produzione -  nata dal laboratorio Giovani all’Opera con la compagnia lirica foggiana -  vede in scena il basso Michele Antonetti, la soprano Anna Maria Soccio e gli attori Fabio Maggio e Maria Nelide Longo. Maestro concertatore è Nunzio Aprile.

A questa raffinatezza sonora – che rappresenta una vera chicca nel panorama dell’offerta lirica del territorio – segue il primo week end dedicato al Teatro per famiglia – Mele, zucchero e cannella – che inaugura  con la fantasmagorica versione di Peter Pan firmata dalla compagnia Crew Slup.

Dopo i vari successi del Mouline rouge, Esopo opera rock e il premiato Mamma mia, tornano in scena gli attori e cantanti della compagnia foggiana perincantare i piccoli spettatori con le vicende dell’isola che non c’era, ispirati al popolarissimo capolavoro dello scrittore scozzese James Matthew Barrie.

Due le occasioni per le famiglie di godersi lo spettacolo: sabato 21 e domenica 22 ( oltre le repliche del 28 e 29 novembre) alle ore 17.30.

In  serata, invece, continuano le repliche della fortunata commedia “Vuije nu figghije? e famme fa a me”, scritta da Michele Pellicano e Enzo Marchetti, che vede in scena Dino La Cecilia, Fabio Conticelli, Francesca D’Elia, Fabio Fabiano, Giuseppe Muriello, Carmen Garofalo e Angelo Fulchini, impegnati nella divertente pièce, liberamente ispirata alla Mandragola di Niccolò Machiavelli

Gli orari degli spettacoli, sabato 21 e domenica 22 sono: ingresso ore 20,30 e sipario, 21.00.


info: 0881.723454
Fonte: Teleradioerre

lunedì 9 novembre 2015

Il Cast di Madama Butterfly incontra il pubblico del Giglio

TEATRO DEL GIGLIO

"Lucca Puccini Days"

Venerdì 13 Novembre il cast dell'opera lirica Madama Butterfly al Teatro del Giglio, incontrerà il pubblico e i giovani delle scuole medie superiori che hanno aderito al percorso formativo nell'ambito del progetto didattico ideato e promosso nelle scuole del territorio dalla Fondazione Giacomo Puccini
Butterfly è l'opera che aprirà la Stagione Lirica del Giglio e in occasione delle prove, gli artisti racconteranno le vicende dell'opera tra musica e parole, in un intrigante "prima della prima" introdotto e coordinato dal Direttore Artistico Aldo Tarabella.
L'ingresso all'incontro è libero e fino ad esaurimento posti.


Madama Butterfly
tragedia giapponese in tre atti di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, dal dramma Madame Butterfly di David Belasco
musica di GIACOMO PUCCINI
Edizioni Ricordi, Milano


Cast
CIO-CIO-SAN Maria Luigia Borsi (20 nov.) - Grazia Lee (22 nov.)
SUZUKI Lorena Scarlata (20 ott.) - Moonjin Kim (22 nov.)
F. B. PINKERTON Lorenzo Decaro (20 nov.) - David Sotgiu (22 nov.)
KATE PINKERTON Alessandra Meozzi (20 e 22 nov.)
SHARPLESS Marcello Rosiello (20 nov.) - Giuseppe Altomare (22 nov.)
GORO Tiziano Barontini (20 e 22 nov.)
IL PRINCIPE YAMADORI - YAKUSIDÉ Antonio Pannunzio (20 e 22 nov.)
LO ZIO BONZO John Paul Huckle (20 e 22 nov.)
IL COMMISSARIO IMPERIALE Riccardo Fassi (20 e 22 nov.)

Direttore Valerio Galli
Regia Sandro Pasqualetto
Scene Christoph Wagenknecht
Costumi Catherine Voeffray

Orchestra e Coro della Toscana

Allestimento Teatro del Giglio di Lucca, edizione 2015
Coproduzione Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Goldoni di Livorno, Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Municipale di Piacenza, Teatro Comunale Pavarotti di Modena

Giovedì 19 novembre 2015 ore 16 (anteprima scuole)
Venerdì 20 novembre 2015 ore 20.30
Domenica 22 novembre 2015 ore 15.30

Domenica 22 novembre 2015 ore 21 | recita straordinaria per i soci di Confindustria Lucca, in occasione dei settanta anni dalla fondazione dell'Associazione (evento realizzato con la collaborazione di Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno / Gruppo Banco Popolare)

Madama Butterfly: è del 1904 quest’opera che Giacomo Puccini compose dopo essere rimasto folgorato dalla rappresentazione del dramma teatrale di David Belasco “Madame Butterfly” al Duke of York’s Theatre di Londra nel 1900. La tragedia della giovane e splendida giapponese Cio Cio San, sposata e abbandonata con un figlio dall’americano Pinkerton, torna sul palcoscenico del Teatro del Giglio con la ripresa dell’allestimento realizzato nel 2004 in occasione del centenario dell’opera. L’edizione 2015 è profondamente rinnovata: direzione e regia assicurano un’interpretazione rigorosa e di grande impatto, mentre il cast porta in scena una qualità espressiva e intensità teatrale di primo livello. Punta di diamante, la Cio Cio San di Maria Luigia Borsi, interprete di spiccato dinamismo vocale e forte presenza scenica, già nei panni dello stesso ruolo con grande successo alla Cincinnati Opera e al Teatro Carlo Felice di Genova.





mercoledì 4 novembre 2015

AUDIZIONI PER PROFESSORI D'ORCHESTRA

Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Piazza Verdi)


La Fondazione Teatro Massimo indice audizioni per Professori d'orchestra che si svolgeranno dal 16 Novembre 2015 al 21 Dicembre 2015
 La scadenza per le iscrizioni alle audizioni è fissata al giorno 10 Novembre 2015 e senza quota d’iscrizione.
Professori d’orchestra per:
VIOLINO
SECONDI VIOLINI
SECONDA VIOLA
VIOLONCELLO
CONTRABBASSO
FLAUTO
CORNO DI FILA
PRIMA E TERZA TROMBA
PERCUSSIONI.  

Scritturazioni a termine secondo le esigenze artistiche per la stagione 2016.

Informazioni:
 Email: protocollo@teatromassimo.it

lunedì 19 ottobre 2015

Un Rigoletto molto atteso al Teatro alla Scala



Dal 13 Gennaio al 06 Febbraio 2016
"Rigoletto"
Teatro alla Scala di Milano

Nella stagione 2014/2015 abbiamo visto al Teatro alla Scala numerose opere dal repertorio di Beethoven, Bizet, Verdi e Puccini e molti altri.
E' stata una programmazione veramente entusiasmante, sopratutto con l'apertura della fiera mondiale - Expo Milano 2015 - non poteva iniziare la stagione senza la Turandot di G.Puccini. 
Per la nuova stagione 2015/2016 non si poteva fare a meno invece del Rigoletto di G.Verdi, il secondo titolo della stagione appunto Verdiano.


Un cast d'eccezione sia di nome che di fatto, con il grande Leo Nucci in Rigoletto, Vittorio Grigolo come Duca e al debutto scaligero la valorosissima Nadine Sierra nei panni di Gilda, non poteva mancare Carlo Colombara nel ruolo di Sparafucile, la bravura di Annalisa Stroppa in Maddalena e Chiara Isotton in Giovanna.

Coro e Orchestra del Teatro alla Scala sotto la guida del Direttore Mikko Franck direttore musicale dell’Orchestre Philharmonique de Radio, la Regia firmata da Gilbert Deflo con le magnifiche scene di Ezio Frigerio.


Per l'opera "Rigoletto" avremo la possibilità di acquistare i biglietti dal 13 Novembre 2015.


@Francesco Fornarelli

venerdì 16 ottobre 2015

"Falstaff" alle Muse - Guida all'opera

Domenica 18 ottobre alle ore 11.00 al Ridotto del Teatro delle Muse si terrà la guida all’opera di Falstaff a cura di Gabriele Cesaretti. L’appuntamento ad ingresso libero, anticipa il secondo titolo d’opera in cartellone della Stagione Lirica 2015 curata dalla Fondazione Teatro delle Muse di Ancona.



La Stagione ha come seconda opera in cartellone Falstaff di Giuseppe Verdi che sarà in scena al Teatro delle Muse il 23 ottobre alle ore 20.45 e 25 ottobre alle ore 16.00, con direttore d’orchestra il Maestro Nicola Paszkowski, regia e ideazione scenica di Cristina Mazzavillani Muti, light design Vincent Longuemare, costumi Alessandro Lai, visual design Davide Broccoli, assistente alla regia/direttore di scena Maria Grazia MartellI, maestro collaboratore Alessandro Benigni e Davide Cavalli.

L’opera è in coproduzione con Ravenna Festival – Teatro Alighieri. Nel cast, personaggi e interpreti: Sir John Falstaff Kiril Manolov (23) Sergio Vitale (25), Ford Federico Longhi, Fenton Giovanni Sebastiano Sala, Dr. Cajus Giorgio Trucco Bardolfo Matteo Falcier, Pistola Graziano Dallavalle, Mrs. Alice Ford Eleonora Buratto, Nannetta Damiana Mizzi, Mrs. Quickly Isabel De Paoli, Mrs. Meg Page Anna Malavasi. L’opera è ispirata alla commedia “Le allegre comari di Windsor' e al dramma “Enrico IV” di William Shakespeare . La prima rappresentazione fu al "Teatro alla Scala" di Milano il 9 febbraio 1893. Collaborano, come di consueto, alla Stagione Lirica: la FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana e il Coro Lirico “V.Bellini” di Ancona.

La STAGIONE LIRICA DI ANCONA 2015, curata dal direttore artistico della Fondazione Teatro delle Muse Guido Barbieri, propone oltre alle opere in abbonamento altri appuntamenti tra opere in forma di concerto, recital, concerti e conferenze per un cartellone denominato FESTIVAL D’AUTUNNO “ALBE E TRAMONTI”, pensato dalla Fondazione Teatro delle Muse in collaborazione con alcune tra le realtà musicali e culturali più significative della città di Ancona tra cui: la Società Amici della Musica “Guido Michelli”, gli Amici della Lirica “Franco Corelli”, l’Orchestra di Fiati, il Museo Tattile Omero, l’Associazione Palchettisti delle Muse (che contribuiscono per i sovratitoli), I Soci Partecipanti / Amici del Teatro.

Gli appuntamenti del Festival d’Autunno, che prevedono un biglietto, avranno un prezzo ridotto, per chi presenta la tessera OperaCard che verrà regalata a chi è abbonato alla Stagione Lirica di Ancona o di Jesi.

La Stagione Lirica della Fondazione Teatro delle Muse è sostenuta dai Soci Fondatori: Comune di Ancona, Fondazione Cariverona / con il contributo di MiBACT / Regione Marche / con il contributo speciale di Fondazione Cariverona / main partner UBI Banca Popolare di Ancona, Prometeo Estra / con il sostegno dell’Associazione Palchettisti / in collaborazione con Società Amici della Musica “Guido Michelli”, Amici della lirica “Franco Corelli”, Orchestra dei Fiati di Ancona, Museo Tattile Omero, Soci Partecipanti-Amici del Teatro / sponsor tecnici Profumerie Galeazzi / Pour Parler Parrucchieri/ Iece / partner tecnico Grand Hotel Palace.


INFO: Biglietteria Teatro delle Muse - tel. 071 52525 - biglietteria@teatrodellemuse.org - www.fondazionemuse.org.
Fonte: Ancona Today per il Teatro delle Muse

Concorso Lirico Internazionale - "Voci dal Mediterraneo - Premio Archimede" X Edizione

Per iscrizioni apri il link!

sabato 10 ottobre 2015

80mo anniversario nascita di Luciano Pavarotti

muti_pavarotti


Il Maestro Riccardo Muti dirige l’Orchestra giovanile Cherubini al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena il 12 ottobre, nell’ottantesimo anniversario della nascita del tenore. Il concerto vedrà esibirsi anche quattro talenti del canto lirico, selezionati dallo stesso Maestro Muti e dalla Fondazione Pavarotti.



L’evento si inserisce tra quelli organizzati dalla “sua” Modena per ricordare Luciano Pavarotti, a partire dallo spettacolo in piazza Grande del 6 settembre, anniversario della morte, dedicato al carattere solare del Maestro e intitolato “Col sole in fronte”. Tutte le iniziative e il percorso espositivo dedicato a Pavarotti nel teatro a lui intitolato in corso Canalgrande – sorta di preludio in centro storico alla visita alla Casa museo di stradello Nava – sono rese possibili grazie all’impegno congiunto di Comune di Modena e Fondazione Luciano Pavarotti, con il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e il contributo di Hera spa, in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale di Modena, nell’ambito del programma di Modena per l’Expo, sostenuto dalla Regione Emilia – Romagna.

Il ricavato del concerto del 12 ottobre sarà devoluto in beneficenza alla sezione modenese di Ail (Associazione italiana contro le leucemie) intitolata al tenore. Per primo il Maestro Muti, in accordo con la Fondazione Luciano Pavarotti, ha rinunciato al proprio compenso, così come i quattro cantanti, e anche tutte le autorità presenti pagano il biglietto.

Il concerto del 12 ottobre diretto dal Maestro Riccardo Muti al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena, nell’80esimo anniversario della nascita del tenore, presenta un programma lirico sinfonico quasi interamente verdiano, con brani celebri da “Rigoletto”, “Trovatore”, “Traviata”, “Un ballo in Maschera” e “Otello”. In scena quattro cantanti già avviati a brillanti carriere internazionali.

Il soprano Elisa Balbo è stata una delle voci selezionate dalla Fondazione Luciano Pavarotti per esibirsi, a partire dall’aprile 2013, in alcuni dei maggiori teatri, a New York, alla Fenice di Venezia e in Piazza Grande a Modena lo scorso 6 settembre. Fra gli impegni più recenti, è stata Alisa in “Lucia di Lammermoor” e Mimì in “La Bohème” al Teatro Filarmonico di Verona.

Nato ad Algeri, Yusif Eyvazov ha studiato al Conservatorio di Mosca e si è perfezionato in Italia. Ha cantato il ruolo di Des Grieux in “Manon Lescaut”, protagonista Anna Netrebko, al Teatro dell’Opera di Roma diretto da Riccardo Muti; Canio in “Pagliacci” al Petruzzelli di Bari, nel “Requiem” di Verdi con l’Orchestra Sinfonica di Milano e in un concerto, sempre con Anna Netrebko, al Teatro del Liceu di Barcellona e al Bolshoi di Mosca. Sarà Luigi nel “Tabarro” all’Opera di Roma nel 2016.

Eleonora Buratto collabora regolarmente con teatri e direttori di prestigio internazionale. 
Intensa è la sua collaborazione con il maestro Muti che l’ha diretta in diverse occasioni quali “Demofonte” (Creusa) al Festival di Salisburgo, Opèra Garnier e Ravenna Festival; Susanna nell’opera “I due Figaro” di Mercadante al Teatro Real di Madrid, a Salisburgo e al Colon di Buenos Aires; Amelia nel “Simon Boccanegra” nella tournée del Teatro dell’Opera di Roma al Teatro Bunka Kaikan di Tokyo e, più recentemente (luglio 2015), Alice nel “Falstaff” al Teatro Alighieri di Ravenna e a Oviedo. 

Tra gli altri suoi appuntamenti rilevanti di questa stagione si ricordano il debutto del ruolo di Liù al Teatro San Carlo di Napoli e al Teatro alla Scala di Milano nel ruolo di Adina nell’ “Elisir d’amore”.

Nato in Kirghizistan, Jenish Ysmanov canterà in luogo del tenore Saimir Pirgu, precedentemente annunciato, che ha dovuto rinunciare al concerto perché indisposto. 
È stato vincitore del Concorso Internazionale “Luciano Pavarotti 2008”; selezionato dalla Fondazione Luciano Pavarotti, ha partecipato, fra altre iniziative, al concerto in memoria del tenore in piazza Grande a Modena, nel settembre 2013 e nel 2015. A Modena nel 2013 si è ascoltato anche nel ruolo di Tebaldo de “I Vespri Siciliani”. 

Ha cantato il ruolo di Alfredo nella “Traviata” per il Festival Verdi al Teatro Verdi di Busseto e di Rodolfo nella “Bohème” al Teatro delle Muse di Ancona.

L’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini è stata fondata da Riccardo Muti nel 2004 assumendo il nome di uno dei massimi compositori italiani di tutti i tempi attivo in ambito europeo per sottolineare, insieme a una forte identità nazionale, la propria inclinazione a una visione europea della musica e della cultura. 
L’Orchestra, che si pone come strumento privilegiato di congiunzione tra mondo accademico e attività professionale, divide la propria sede tra le città di Piacenza e Ravenna.

È formata da giovani strumentisti, tutti sotto i trent’anni e provenienti da ogni regione italiana, selezionati attraverso centinaia di audizioni da una commissione presieduta dallo stesso Muti e costituita dalle prime parti di prestigiose orchestre europee.

In questi anni l’Orchestra, sotto la direzione di Muti, si è cimentata con un repertorio che spazia dal barocco al Novecento alternando ai concerti in tante città italiane, tournée in Europa e nel mondo nel corso delle quali è stata protagonista, tra gli altri, nei teatri di Vienna, Parigi, Mosca, Salisburgo, Colonia, San Pietroburgo, Madrid, Barcellona, Muscat, Manama, Abu Dhabi e Buenos Aires.

All’intensa attività con il fondatore, la Cherubini ha affiancato tante collaborazioni con artisti quali Claudio Abbado, John Axelrod, Rudolf Barshai, Michele Campanella, James Conlon, Dennis Russel Davies, Gérard Depardieu, Kevin Farrell, Patrick Fournillier, Herbie Hancock, Leonidas Kavakos, Lang Lang, Ute Lemper, Alexander Lonquich, Wayne Marshall, Kurt Masur, Anne-Sophie Mutter, Kent Nagano, Krzysztof Penderecki, Donato Renzetti, Vadim Repin, Giovanni Sollima, Yuri Temirkanov, Alexander Toradze e Pinchas Zukerman.

Nel 2008 l’Orchestra ha ricevuto il prestigioso Premio Abbiati quale miglior iniziativa musicale per “i notevoli risultati che ne hanno fatto un organico di eccellenza riconosciuto in Italia e all’estero”. 

Fra i successi del 2015 un duplice appuntamento verdiano con Riccardo Muti, prima al Teatro Alighieri di Ravenna nel “Falstaff”, poi nell’ “Ernani” per il debutto dell’Orchestra – unica formazione italiana invitata – al Festival estivo di Salisburgo.
Fonte: bologna2000.com

sabato 3 ottobre 2015

Royal Opera House con “Le nozze di Figaro” all’MPX


Royal Opera House con “Le nozze di Figaro” all’MPX il 5 ottobre 2015 Eventi a Padova

Prosegue al Multisala MPX (via Bonporti, 22 – zona Duomo) di Padova la stagione in diretta da Londra della Royal Opera House, di cui l’MPX fino a giugno 2016 proporrà la stagione completa con le più grandi stelle internazionali dell’opera e del balletto.

Il prossimo appuntamento è per lunedì 5 ottobre 2015 alle ore 19.45 con l’opera lirica in quattro atti LE NOZZE DI FIGARO di Wolfgang Amadeus Mozart (cantata in italiano, con sottotitoli in italiano) con Erwin Schrott e Anita Hartig.

Spesso considerata l’”opera perfetta”, LE NOZZE DI FIGARO rappresenta, per vivacità e piacevolezza, il genio di Mozart al suo massimo. Basata su un dramma che fu in origine bandito per il suo contenuto politico, l’opera si caratterizza per il realismo dei suoi personaggi, resi ancora più umani dall’eccezionale musica di Mozart.

Il popolare allestimento della commedia di David McVicar torna nelle mani di Ivor Bolton, il più importante direttore d’orchestra inglese. Figaro è interpretato dal basso Erwin Schrott, già protagonista con questo ruolo sul palco del Covent Garden. Sua partner è la celebre soprano rumena Anita Hartig, nel ruolo di Susanna.

Il cast comprenderà: Figaro Erwin Schrott | Susanna Anita Hartig

Coro della Royal Opera House | Orchestra della Royal Opera House

Direttore d’orchestra lvor Bolton | Regia David McVicar

BIGLIETTI (prevendite aperte): Intero:12 € - Ridotto:10 €

Possibilità di acquistare ABBONAMENTI per l’intera stagione A PREZZI VANTAGGIOSI (la stagione in diretta della ROYAL OPERA HOUSE proseguirà all’MPX fino a giugno 2016 con altri spettacoli di opera lirica e balletto).


INFO: www.multisalampx.it – tel. 049 8774325 (orari apertura sala)
Multisalampx - PadovaOggi

giovedì 24 settembre 2015

"Il barbiere di Siviglia" in scena a Cuneo per Unicef

Sabato 26 Settembre  alle ore 21 presso la Sala San Giovanni, via Roma 4 a Cuneo, si terrà un concerto  di musica lirica organizzato dal Comitato Provinciale per l’Unicef di Cuneo con il patrocinio del Comune di Cuneo ed il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo.

L’Orchestra Sinfonica Amatoriale Italiana diretta dal maestro Paolo Fiamingo che il pubblico cuneese  ha già apprezzato nei precedenti concerti,  eseguirà  l’opera lirica “Il barbiere di Siviglia” con musiche di Gioachino Rossini.


I cantanti sono professionisti che provengono dal Teatro Regio di Torino, dalla Scala di Milano e dal Carlo Felice di Genova.

Nel corso della manifestazione sarà possibile “Adottare una Pigotta”, la bambola dell’UNICEF che contribuisce alla raccolta fondi per i programmi di abbattimento della mortalità infantile che, ancora oggi vede la morte, ogni anno, di circa 7 milioni di bambini  nella fascia di età tra 0 e 5 anni.

L’ingresso è libero con l’invito a fare un’offerta a sostegno della campagna UNICEF “Non è un viaggio. E’ una fuga. Aiuta i bambini in pericolo.”


L’impegno dell’Unicef, che opera in oltre 150 paesi del mondo, è quello di ridurre possibilmente a zero le morti infantili ed assicurare ai bambini una vita sana e dignitosa.
Fonte: http://www.targatocn.it/http://www.targatocn.it/

lunedì 14 settembre 2015

STABAT MATER - Concerto Straordinario in occasione dell'anniversario della morte di W. A. Mozart

ROSSINI PER MOZART
http://www.mozartmilano.com/

Concerto Straordinario
in occasione dell'anniversario della morte di
W. A. Mozart

GIOVEDI' 3  DICEMBRE 2015 ore 21
  Chiesa di San Marco 
Piazza San Marco 2 - Milano

Gioacchino Rossini
Stabat Mater
per quattro soli coro e orchestra

ORCHESTRA DELL'ASSOCIAZIONE
MOZART  ITALIA DI MILANO

CORO "CANTICUM NOVUM" di BERGAMO

Solisti:
DANIELA BRUERA Soprano
LAURA VERRECCHIA Mezzo Soprano
FRANCESCO MARSIGLIA Tenore
CARLO MALINVERNO Basso

Maestro del Coro ERINA GAMBARINI

Direttore
ALDO BERNARDI


giovedì 10 settembre 2015

"Masterclass di AltoPerfezionamento in Canto Lirico"

 
Per scaricare i moduli del bando, visita la pagina Ufficiale:
Qui sotto la descrizione del Masterclass
*
L’Associazione Lirico Musicale Clodiense di Chioggia, presenta il Masterclass di perfezionamento tecnico-vocale 
e di approfondimento del repertorio lirico 
tenuto dal Tenore Franco Fornarelli.

Il corso si terrà nella sede di via Raffaello Sanzio 17 a Lissone (MB)-Il Teatrino, dal 14 al 18 Dicembre 2015.
Per informazioni e per iscrizioni contattare il numero: 339/2307575 oppure scrivere a: francofornarelli@libero.it


BANDO E REGOLAMENTO
ISCRIZIONI
Il numero totale degli allievi effettivi sarà da un minimo di 10 a un massimo di 15 cantanti. Possono iscriversi al Masterclass studenti di canto e professionisti, fino all’età di 40 anni. Per gli uditori il Masterclass è aperto a tutti senza limite di età.I candidati esecutori dovranno presentare e indicare sul modulo d’iscrizione i dati anagrafici e cinque arie d’opera o indicare il ruolo d’opera che intendono approfondire durante il corso.
Termine delle iscrizioni il 30 Novembre 2015
L’ammissione in qualità di allievo effettivo è subordinata all’esito della selezione preliminare che verrà esclusivamente sulla base di files audio o video inviati tramite e-mail insieme alla documentazione richiesta.
- Curriculum e copia documento di riconoscimento.
La segreteria organizzativa comunicherà ai candidati ritenuti idonei l’esito per via email entro e non oltre il 30 novembre 2015
LEZIONI
Il Corso di Masterclass è articolato in 5 giorni di studio intensivo individuale e collettivo e sarà tenuto personalmente dal tenore Franco Fornarelli. Il corso è finalizzato all’alto perfezionamento tecnico e interpretativo del repertorio.
Durante il Masterclass i corsisti esecutori potranno essere segnalati e ascoltati da Direttori Artistici e manager di agenzie di rappresentanza.
ATTESTATI
Verrà rilasciato a tutti gli allievi l’attestato di frequenza che parteciperanno all’intero corso.
A fine Masterclass saranno scelti gli idonei cantanti per un Concerto Lirico organizzato dalla Compagnia Lirica ‘’Recitar Cantando ‘’e L’Associazione lirico musicale Clodiense di Chioggia.
QUOTA DI ISCRIZIONE E FREQUENZA
Quota d’iscrizione allievo esecutore euro 50 da versare tramite bonifico dopo l’esito della selezione preliminare.
Quota di frequenza allievo esecutore euro 200 da pagare in contanti in loco il giorno dell’inizio del corso e sarà rilasciata regolare ricevuta fiscale.
Quota di frequenza allievo uditore euro 50 da pagare in contanti in loco il giorno dell’inizio dei corsi.
Le coordinate per i versamenti bancari relativi all’iscrizione saranno comunicate dalla segreteria solo agli interessati per via email.
Per avere maggiori informazioni o il modello d’iscrizioni scrivere all'email infoilteatrino@libero.it o chiamare al cell.+39-3392307575 - +39 3351230125

martedì 8 settembre 2015

LIRICA SOTTO LE STELLE: Cena con Opera


Cena con i protagonisti dell'Opera Pagliacci di R. Leoncavallo
in Piazza S.Antonino a Piacenza alle ore 21,15

Protagonisti

Manami Hama
Andrea Zese
Alfonso Marzano
Takanobu Sugimoto
Ermanno Iore
Alessandro Medegoni

Coro Polifonico Città di Chiari

Ensemble Musicale 
diretto dal 
M° Gianfranco Iuzzolino

Maestro Collaboratore 
Edoardo Iuzzolino

GRUPPO GINNICO CASALPURSTERLENGO
Sequenze Ginniche 
a cura di Claudia Zinzalini

Allestimento, Costumi e Regia 
Alessandro Bertolotti

Luci
Luciano Pellicelli



sabato 5 settembre 2015

Stagione 2015-2016 di opera ai teatri reggiani

La Bohème, poi Elektra, le nozze di Figaro e Lucia di Lammermoor. Nuovi abbonamenti dal 21 settembre al 3 ottobre
REGGIO EMILIA - La stagione di Opera 2015-2016 della fondazione I Teatri si apre con La Bohème (13 novembre alle 20 e 15 novembre alle 15.30), l'opera di cui Igor Stravinskij ebbe a dire: "Più invecchio, più mi convinco che è un capolavoro e che adoro Puccini, il quale mi sembra sempre più bello". La Bohème arriva a Reggio Emilia nell’allestimento del Macerata Opera Festival con la direzione di Giampaolo Bisanti e la regia di Leo Muscato. I costumi saranno firmati da Silvia Aymonino, le scene da Federica Parolini e le luci da Alessandro Verazzi.

A seguire sarà la tragedia della folle lucidità di Elektra (5 dicembre alle 20 e 6 dicembre alle 15.30) di Richard Strauss su libretto di Hugo Von Hofmannsthal produzione del teatro comunale di Bologna, affidata alla  bacchetta di Lothar Zagrosek con la regia di Guy Joosten. Il terzo titolo, Le Nozze di Figaro (29 gennaio alle 20, 31 gennaio alle 15.30) di Mozart, la prima della trilogia scritta con Da Ponte. L’allestimento è del teatro San Carlo di Napoli, direttore Matteo Beltrami alla guida della orchestra filarmonica italiana, storica la regia di Mario Martone. Questo capolavoro vede il ritorno di un grande amico del Valli, Roberto De Candia, baritono fra i più amati dal pubblico reggiano nel ruolo del conte di Almaviva in coppia con una strepitosa Eva Mei, soprano, nei panni della contessa.

Chiude la stagione Lucia di Lammermoor (4 marzo alle 20 e 6 marzo alle 15.30) di Gaetano Donizetti. Direttore Stefano Ranzani sul podio con l'orchestra regionale dell'Emilia Romagna, regia Henning Brockhaus grande innovatore delle scene liriche europee. Lo spettacolo riprende un allestimento della fondazione Pergolesi Spontini di Jesi dedicato al lavoro del geniale scenografo Josef Svoboda, considerato un maestro delle luci e delle illusioni sceniche.

Tutte le opere della stagione sono coprodotte dalla fondazione I Teatri con i principali teatri dell’Emilia Romagna e della Lombardia. Nuovi abbonamenti dal 21 settembre al 3 ottobre. Biglietti in vendita online da martedì 6 ottobre, al botteghino da venerdì 16 ottobre 2015.
Fonte: il valorosissimo sito redazionale: http://www.reggionline.com/