lunedì 21 dicembre 2015

AUGURI DI BUON NATALE








Auguri per un buon natale ricco di felicità, amore e serenità a voi e alle vostre famiglie.





Staff


*Trovare qualcuno a cui donare il cuore è il più bel regalo che possiamo farci. Buon Natale.

*Nella notte più magica dell'anno, nel cielo si accende una stella, la più luminosa e bella! 
Ci ricorda che la sua luce accoglie le nostre speranze, non ci dimentica mai e che siamo tutti uguali. 

Tanti auguri di Buon Natale.

sabato 12 dicembre 2015

IL BARBIERE DI SIVIGLIA A MODENA

*

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

20 DICEMBRE 2015 - ore 17.00

TEATRO MICHELANGELO - MODENA



Musiche di Gioachino Rossini
Libretto di Cesare Storbini

Personaggi e interpreti

Il Conte d’Almaviva: Spero Bongiolatti, Tenore
Don Bartolo: Romano Franceschetto, Baritono
Rosina: Paola Cacciatori, Mezzosoprano
Figaro: Carlo Morini, Baritono
Don Basilio: Luca Gallo, Basso
Berta: Francesca Salvatorelli, soprano
Fiorello: Eugenio Degiacomi, Basso

Orchestra “Cantieri d’arte”
Diretta dal M° Lorenzo Bizzarri
Coro Lirico “Aurea Parma”

Regia: Eddy Lovaglio




Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini è una delle opere meglio riuscite e più rappresentate in tutti i teatri del mondo, un’opera buffa che domenica 20 dicembre, al Teatro Michelangelo di Modena, garantirà al pubblico un pomeriggio di grande musica e di divertimento. 
L’Opera, che sarà rappresentata integralmente e in costume, vedrà in scena un cast di livello qualitativo straordinario con i migliori interpreti lirici del panorama nazionale. 
Vestirà i panni di Figaro un veterano del mestiere che ha interpretato questo ruolo innumerevoli volte: Carlo Morini, baritono cantabile dal tipico colore rossiniano.
Al suo fianco troviamo un’altra importante presenza, quella di Don Bartolo interpretato dal M° Romano Franceschetto che ha calcato i palcoscenici più prestigiosi italiani ed esteri vestendo proprio i panni di questo personaggio.  Benché il suo repertorio sia assai vasto, spaziando dal '700 ad opere contemporanee in prima esecuzione, Franceschetto si è specializzato nei principali ruoli di "buffo" del 18° e 19° secolo interpretandoli in teatri italiani e stranieri, lavorando con Dario Fo nel “Barbiere di Siviglia” al Teatro Petruzzelli di Bari, ed interpretando il medesimo ruolo al Teatro Regio di Parma e in altri teatri sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra e registi.
                                                                      

                                               

Bella, solare e accattivante la nostra Rosina: il ruolo della “donna contesa” da Don Bartolo e dal Conte di Almaviva sarà interpretato dal mezzosoprano Paola Cacciatori che si distingue per l’ottima prestazione vocale e la spigliata verve scenica. Vive a Roma e si sta affermando con grinta e successo nel panorama lirico internazionale.
Il ruolo del Conte d’Almaviva è interpretato dal tenore Spero Bongiolatti, che ha interpretato il ruolo diverse volte, spigliato, voce accattivante e grande presenza scenica, ballerino oltre che cantante e per questo diverse sono le sue apparizioni televisive, già in giovane età Bongiolatti possiede un curriculum di tutto rispetto: è stato al fianco di Raffaella Carrà nel Sabato Sera di Raiuno, ha fatto parte del cast del celebrato musical “Grease” con Lorella Cuccarini, e ancora al Bagaglino di Roma, fino all’opera lirica del Teatro Dal Verme di Milano (collaborando con i Pomeriggi Musicali e l'Accademia Teatro Alla Scala di Milano) come tenore protagonista, dopo aver sostenuto un duro percorso di studio iniziato sotto la guida del grande Tenore Franco Corelli.  Esperienze uniche che hanno fatto di Bongiolatti un interprete completo e di prestigio.
Il ruolo di Don Basilio è interpretato dal basso Luca Gallo, veterano nel ruolo e artista con splendida carriera: ha lavorato con direttori d’orchestra come Donato Renzetti o Peter Maag, e con colleghi come la Freni, Devia, Ghiaurov, Bruson e Bocelli.
Berta, ruolo comprimario ma importante, sarà interpretata dal soprano Francesca Salvatorelli, giovane soprano ma già esperta in questo buffo personaggio che ci delizierà con la famosa e divertente “aria di Berta”.  
Fiorello sarà interpretato dal giovane basso Eugenio Maria Degiacomi che ha debuttato il ruolo lo scorso anno.

L’orchestra “Cantieri d’Arte” è diretta dal M° Lorenzo Bizzarri così come il coro “Lirico Aurea Parma”.
La regia si avvarrà di un impianto scenico assolutamente essenziale dove giocheranno un ruolo importante le gags dei personaggi che ruotano intorno alle trovate di Figaro.
Portare l’Opera Lirica al Teatro Michelangelo di Modena è sicuramente una sfida, un progetto fortemente voluto dal direttore del teatro, dr. Berto Gavioli, con l’intento di rilanciare questo spazio teatrale ed aprirlo a nuove forme di spettacolo.
L’Opera scelta – “Il Barbiere di Siviglia” – si presta particolarmente per l’esplicita narrazione dei recitativi e per la divertente messa in scena.
(Per info e biglietti: 059 – 343662, info@cinemateatromichelangelo.com)


di Francesco Fornarelli







martedì 8 dicembre 2015

IL BARBIERE DI SIVIGLIA A ROMA

Da il Teatro alla Scala di Milano all'Argentina di Roma, la bellissima astragana Lilly Jorstad interpreterà Rosina e il bel tenore salentino Giuseppe Tommaso nel ruolo del Conte d' Almaviva, vincitori del Concorso Lirico ZIINO 2015.

A 200 anni dalla sua prima rappresentazione al Teatro Argentina, salgono sul palcoscenico dell'Argentina i vincitori del Concorso Lirico Internazionale Ottavio Ziino, a interpretare l'opera buffa per eccellenza Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, proprio dove è stato rappresentato la prima volta, al Teatro Argentina di Roma. I protagonisti: Lilly Jorstad (Rosina), Giuseppe Tommaso (Conte d'Almaviva), William Hernandez (Figaro), Giuseppe Esposito (Don Bartolo), Eugenio Di Lieto (Don Basilio), Irida Dragoti (Berta). Il sipario dell' Argentina si alzerà alla 20:30 in punto e il maestro Daniele Moroni dirigerà la "Roma Opera Orchestra" e il Coro "International Opera Choir".

Nell'Opera buffa, i cui contenuti già riflettono le novità culturali e sociali in atto nella società di fine Settecento, i personaggi ora appartengono e sono lo specchio della borghesia, del popolo, di una quotidianità vissuta anche in ambito familiare. Mutano i linguaggi musicali e sovente il caos che regna nelle opere buffe e nel titolo più importante di Gioachino Rossini, Il Barbiere di Siviglia, è l'indizio di una società che ha perduto il senso dell'orientamento e con i punti di riferimento conseguenti (limitativi molte volte di una idea di democrazia ancora molto in fieri) travolti dalla disinvoltura spavalda di una borghesia imprenditoriale. Il Figaro del Barbiere ne è un esempio chiaro. Congeniale allo stile comico di Rossini, il personaggio principale è un unicum di sfrontatezza, furbizia, sicurezza, spavalderia. Si potrebbe dire che è il nuovo che avanza, intraprendente e abile, senza troppe esitazioni o sensi di colpa, motore centrale dell'azione, conscio che il metro di paragone sostanziale è il potere del (nel) denaro. Rossini quasi lo disegna con una punta di disprezzo paternalistico, ma non indaga a fondo nella caratterizzazione sociale, giacché egli stesso rimane fino all'ultimo rappresentante di un secolo già passato.

Lilly Jørstad interpreterà Rosina Lilly Jorstad interpreterà Rosina

Con il personaggio di Rosina nasce una nuova tipologia di figura femminile prestata all'Opera. Solo in apparenza 'dolce', 'obbediente', 'rispettosa', la bella Rosina dimostra di sapere affinare le sue doti di donna scaltra, volitiva e, all'uopo, vendicativa. In grado di ordire terribili trappole, al solo segnale di contraddizione. Rossini è compiaciuto di queste abilità tutte femminili e regala al personaggio una vocalità tersa e adamantina assegnando a Rosina l'imprimatur del paradigma di una donna risoluta, smaliziata, indomita e infine, vincente, paragonabile socialmente alla donna moderna.


Gli altri due personaggi maschili, Don Basilio e Don Bartolo escono dalla penna di Rossini musicalmente vincenti e convincenti, ma non ugualmente dal punto di vista psicologico, fortemente condizionati da una sottolineatura macchiettistica a volte condizionante. Per fortuna il Barbiere, grazie all'abilità del pesarese e alla aderenza testuale di Cesare Sterbini, è un perfetto ed equilibrato susseguirsi di melodie accattivanti, arie celebri, eloquio brioso, in un quadro d'insieme dal forte colore paesaggistico ed evocativo che fa divertire facendo riflettere.

La regia e costumi di Vivien Hewitt.
La direzione artistica è di Wally Santarcangelo, direttore dell’Associazione Il Villaggio della Musica.
Biglietti direttamente alla biglietteria del Teatro Argentina tutti i giorni (tranne lunedì) dalle ore 10 alle 19 (senza prevendita), oppure su Vivaticket.



Fonte: il villaggio della musica

lunedì 7 dicembre 2015

L'8 Dicembre vedrà ufficialmente la luce il nuovo EP dal titolo "Vorrei"

Spero Bongiolatti, tenore italiano con importante esperienza all’estero, dopo aver firmato l’album, “Canto Per Il Mondo” (luglio 2015), l’8 dicembre esce con un nuovo toccante EP dal titolo “VORREI”: tre brani, di cui uno inedito. Produzione live: pianoforte, organo e violino. 
In collaborazione con il Maestro Gianfranco Messina

Spero Bongiolatti, valtellinese capace di ammaliare e sedurre qualsiasi platea, ha già strappato con la sua voce fresca e brillante applausi in tutta Italia e all’estero, dove sovente ha avuto occasione di ipnotizzare il pubblico straniero con indimenticabili performance esibendosi come “tenore di grazia”.

Nonostante la giovane età, Bongiolatti possiede un curriculum di tutto rispetto: è stato al fianco di Raffaella Carrà nel Sabato Sera di Raiuno, ha fatto poi parte del cast del celebrato musical “Grease” con Lorella Cuccarini, e ancora al Bagaglino di Roma, fino all’opera lirica del Teatro Dal Verme di Milano (collaborando con i Pomeriggi Musicali e l'Accademia Teatro Alla Scala di Milano) come tenore protagonista, dopo aver sostenuto un duro percorso di studio iniziato sotto la guida del grande Tenore Franco Corelli.

Esperienze uniche che hanno fatto di Bongiolatti un interprete completo e di prestigio.

Il 2015 si sta rivelando un anno ricco di novità e di soddisfazioni per questo giovane artista. A luglio è uscito l’album Canto Per Il Mondo”, dalla forte caratterizzazione Latin/Pop/Opera (genere innovativo che rispecchia l’anima latina dell’artista, la sua mentalità pop e il suo essere un cantante lirico), il 2 dicembre Bongiolatti è stato protagonista di uno degli eventi di apertura del Giubileo della Misericordia (a Roma, all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, alla presenza delle più prestigiose cariche Istituzionali e autorità ecclesiastiche) e l’8 dicembre, (giorno dedicato alla promulgazione, da parte di Papa Pio IX, del dogma dell’Immacolata Concezione, la nascita di Maria senza il peccato originale, e quest’anno giorno dell’inizio ufficiale del Giubileo della Misericordia), vedrà la luce un nuovo EP dal titolo “Vorrei” contenente tre brani di cui uno inedito (distruzione nei migliori store mondiali online, da Amazon a iTunes).


Il brano inedito dà anche il titolo all’EP, ed è una poesia messa in musica, con un messaggio positivo e di speranza: tornare a essere bambini nella purezza dello Spirito, seguendo quindi le parole di Gesù che raccomandava la purezza di mente e spirito per avvicinarsi a Dio. Il testo di questa poesia è stato scritto da Cristina Poletti (pittrice e poetessa), affetta da una grave malattia che le impediva di camminare e che pochi anni fa se l’è portata via. I suoi insegnamenti sono rimasti vivi, infatti, grazie alla sua mente, lei poteva correre libera e volare. La mente supera gli impedimenti del corpo, la mente per noi può fare miracoli, regalando bellezza, pace e amore…
La produzione di “Vorrei” nasce dalla collaborazione tra la voce ispirata di Bongiolatti e la musica del Maestro Gianfranco Messina, pianista, violinista e compositore.
Le registrazioni sono state fatte negli studi “Bios Production” di Milano, dal vivo sia per quanto riguarda la voce sia per le musiche.

EP “Vorrei” - BRANI
v  Vorrei (pianoforte, violino) inedito
v  Ave Maria di Mascagni (organo, violino)
v  Minuit Chretien - Santa Notte di Natale (pianoforte, violino, campane)


Vorrei” – singolo inedito di Spero Bongiolatti 



VIDEO “Vorrei” su  YOUTUBE (regia di Andrea Benedetti – produzione Socialfilme)


mercoledì 2 dicembre 2015

INAUGURAZIONE DEL GIUBILEO ALLA SANTA SEDE: GRANDE SUCCESSO PER IL TENORE




Grande Successo per il Tenore Spero Bongiolatti all'Evento di inaugurazione GIUBILEO DELLA MISERICORDIA davanti ad una platea gremita di Autorità Ecclesiastiche e Governative, nella splendida cornice di Palazzo Borromeo presso la Santa Sede di Roma.





FirstOnline ci ricorda inoltre a questo evento altre serate musicali a Roma dedicate al Giubileo.
Un altro importante evento sarà il prossimo Martedì 8 dicembre alle 19:30, avrà luogo nella Basilica del Sacro Cuore Immacolato di Maria ai Parioli (Piazza Euclide, Roma) il grande Concerto Sinfonico Corale in occasione dell'apertura del Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco. Un'altra bella occasione da non perdere!

La serata, promossa e sostenuta dal Governo Generale dei Padri Clarettiani, vedrà il Maestro Lorenzo Porzio dirigere gli oltre settanta musicisti dell'Orchestra "L'Armonica Temperanza" e dei due cori St. Paul's Choir e ResAltera Vocal Ensemble in un viaggio musicale dal Barocco di Bach al classicismo di Mozart per arrivare fino al romanticismo di Brahms. In programma il Concerto Brandeburghese N.3 di Bach, la Messa K.194 per soli, coro e orchestra, di Mozart, il concerto per pianoforte e orchestra K.414 di Mozart e un accattivante ed inedito arrangiamento per pianoforte e orchestra di Lorenzo Porzio di tre famosissime Danze Ungheresi di Brahms.

Solista d'eccezione, la pianista umbra Cristiana Pegoraro, reduce dal trionfo ottenuto lo scorso novembre alla Carnegie Hall di New York con un concerto tutto esaurito e quattro standing ovation.

Questo concerto sarà anche l'occasione per presentare l'ultimo lavoro discografico "Bach, Mozart, Haydn" di Cristiana Pegoraro e Lorenzo Porzio, uscito per l'etichetta Eden Editori.



di Francesco Fornarelli